Soul Cinema all’Expo Gate Milano – Culture Food

Aspettando l’Expo, il mese di marzo sarà dedicato al rapporto tra cibo e arte. L’appuntamento è all’Expo Gate di Milano con un fitto calendario che vedrà protagonisti: musica, arti visive, letteratura, cinema e il loro rapporto con il mondo culinario.

Tra i tanti appuntamenti da ricordare la rassegna Soul Cinema dell’associazione Il Kino. Tra il 16 e il 19 marzo 2015 verrà presentata una selezione di film indipendenti, in bilico tra classici, documentari e cult inediti.

Expo Gate Milano
Expo Gate di Milano, aspettando l’Esposizione Universale
Annunci

Pomodori verdi fritti alla fermata del treno (1991)

Green Fried Tomatoes” è il titolo di questa pellicola degli anni Novanta, diretta dal regista statunitense Jon Avnet tratta dal romanzo Fried Green Tomatoes at the Whistle Stop Cafe di Fannie Flagg del 1987. 
Il film racconta le vicende e le peripezie di due giovani donne e della loro profonda amicizia.
Le due ragazze si trovano per drammatiche conicidenze a gestire insieme il Whistle Café, un piccolo locale accanto a una linea ferroviaria.
Ambientato nell’Alabama degli anni ’30, un’ epoca in cui l’ideologia conservatrice e maschilista imperava, l’anticonformista Idgy e la dolce Ruth escono dalle gabbie della società provando a vivere a modo loro, coltivando il valore autentico dell’amicizia, lontano dal bigottismo della società che le vorrebbe incasellate nel ruolo di donne servili e sottomesse.   
Il Caffé assume il carattere di un’oasi di libertà, intreccio di personaggi diversi, epressione di emozioni e desideri …e in cucina si preparano pomodori fritti!

Sushi e sahimi nella megalopoli postmoderna di Scott.

Blade Runner (id.1982) di Ridley Scott

In una Los Angeles decadente e consumata dalle piogge acide, Rick Dekard, cacciatore di replicanti ha un debole per il sushi e mangia in un chiosco giapponese a lato di una strada.


Rick Dekard (Harrison Ford) al chiosco giapponese.

La scena anticipa la diffusione globale della cucina giapponese, che all’epoca non aveva la popolarità che conosciamo oggi.
Il momento culinario di Blade Runner è anche uno dei più emblematici esempi di “street food“, un’ altra tendenza culinaria ormai consolidata. 
Protagonista del momento la forte commistione tra culture e cibi tipica di una società sempre più globale.

"…L’ignoranza è un bene." La bistecca di Matrix.

Tra le più singolari esperienze culinarie non possiamo non considerare le stravaganti rappresentazioni di cibo e cucina nei film di fantascienza. Proprio perché avremo sempre fame,  anche tra mille anni e in universi paralleli. Inauguriamo questo spazio con una delle più popolari pellicole, Matrix (The Matrix, 1999) dei fratelli Wachowski.

La pappetta bianca, perfetta sintesi di tutti i principi nutritivi necessari all’uomo, non è certo il massimo del gusto per l’equipaggio dell’astronave Nabucodonosor, Cypher è stufo dell’insipida pietanza e preferisce farsi corrompere con una succulenta bistecca “virtuale”, meglio non sapere che sarà Matrix a suggerire il gusto del delizioso piatto.